Citazioni e Aforismi

hermen_hesse_la_fede_cosi_come_la_ragione...

UNA PAROLA NON E’ LA STESSA IN UNO SCRITTORE E IN UN ALTRO-
UNO SE LA STRAPPA DALLE VISCERE, L’ALTRO LA TIRA FUORI DALLA TASCA DEL SOPRABITO.
(CHARLES PEGUY)

<<<

IN CIASCUNO DI NOI CI SONO TRE PERSONE: QUELLA CHE VEDONO GLI ALTRI, QUELLA CHE VEDIAMO NOI, QUELLA CHE VEDE DIO.
(M. DE UNAMUNO)

<<<

LA VERA TRAGEDIA DELLA VITA E' QUANDO UN UOMO HA PAURA DELLA LUCE.
(PLATONE)

<<<

L'UOMO E' L'UNICO ESSERE ANIMALE PER IL QUALE IL SUO STESSO ESISTERE E' UN PROBLEMA DA RISOLVERE.
(E. FROMM)

<<<

IL MONDO PERIRA' PER MANCANZA DI MERAVIGLIA, NON DI MERAVIGLIE.
(J. K. CHESTERTON)

<<<

NOI NON SIAMO ESSERI UMANI CHE VIVONO UN' ESPERIENZA SPIRITUALE.
NOI SIAMO ESSERI SPIRITUALI CHE VIVONO UN' ESPERIENZA UMANA.
(PIERRE TEILHARD DE CHARDIN)

<<<

Di tutti i vuoti
Il più brutto da guardare
È quello dei tuoi occhi
Quando menti.

Franco Buffoni
(Aforismi ed Extempore Poems)
http://www.ebook-larecherche.it

<

Uno scrittore si purifica scrivendo, perché scrivere è confessarsi.
Gilbert Paraschiva

<

La vecchiaia comincia nel momento in cui ti rendi conto che niente di meraglioso ti aspetta dietro l'angolo.

<

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.
(da "Il tempo ritrovato" – Marcel Proust)

<

"Felice te che credi che il mondo sia immenso / mentre è solo un salvacondotto impuro / per la morte del giorno."

<

La morte è l'unica cosa nuova che mi può ancora succedere.
Tiziano Terzani – La fine è il mio inizio
<
<
<
"Viviamo su un pezzo di roccia e metallo che gira intorno a una stella banale, una fra quattrocento miliardi di altre stelle della galassia nota come Via Lattea, la quale è una fra i miliardi di altre galassie che costituiscono un universo che potrebbe essere uno fra moltissimi altri universi, forse un numero infinito…". Carl Sagan (Estratto da "13 cose che non hanno senso", di Michael Brooks, edito da Longanesi).

<

Ascolterò il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde.
Kahlil Gibran

<

Spero di trovare la mia anima tra le labbra di Dio, perchè ho conosciuto la fede in un bacio tra la vita e la morte.
Michela Zanarella

<

I miei polsi mangiano cielo e sanno l'odore di un delirio di luce.
Michela Zanarella

<

Signore, non so se tu sei contento di me.
So che io sono contento di te.
Bourdaloue

"Cancella spesso, se vuoi scrivere cose che siano degne d'essere lette."
(Orazio)

*

Una ricerca di luce, altro non siamo.
Ghiorgos Seferis

*

Siamo alberi con le radici capovolte verso il cielo.
Raffaele Morelli

<

Aforismi di Alda Merini

La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.

*

La casa della poesia non avrà mai porte

*

Amore mio / ho sognato di te come si sogna / della rosa e del vento.

*

La preparazione alla morte dura una vita intera

*

Vorrei parlarti del freddo del cuore, | del mio cuore di radice ferita

*

Spiegami perché ho rotta la sottana: | uno strappo che è largo come il cuore.

*

Si ha paura di mille cose, dei dolori, dei giudizi, del proprio cuore, del risveglio, della solitudine, del freddo, della pazzia, della morte… specie di questa, della morte. Ma tutto ciò è maschera e travestimento. In realtà c'è una cosa sola della quale si ha paura: del lasciarsi cadere, del passo incerto, del breve passo sopra tutte le assicurazioni esistenti. E chi una volta sola si è donato, chi una volta sola si è affidato alla sorte, questi è libero. Egli non obbedisce più alla legge terrena, è caduto nella spazio universale e partecipa alla ridda delle stelle.

Herman Hesse

*

Dio ha creato il corpo umano con i ritagli dello spazio, lo spazio con i ritagli del tempo, il tempo con i ritagli dell'eternità, l'eternità con i ritagli di Sé.

Maura Del Serra

*

Sto cercando il volto che avevo prima che il mondo fosse fatto.

W. B. Yeats

*

Mi sono seduto sul bordo di questa luce e ho letto nel cammino delle stelle.

(còlta fra le righe)

*

Goccia di rugiada n. 2968 a cura di Terenzio Formenti (23.12.07)

Quando qualcuno muore, lascia uno spazio vivo, dal quale ci giunge lo sguardo staccato della sua assenza. Ogni assenza è uno sguardo: l'altro sguardo.

*

"Essere poeta non è una mia ambizione. E' la mia maniera di stare solo".
"Pensando, mi sono creato eco e abisso".
"Ho viaggiato leghe d'ombra entro il mio pensiero".

F. Pessoa

*

La parola abbaglia e inganna perché è mimata dal viso, perché la si vede uscire dalle labbra, e le labbra piacciono e gli occhi seducono. Ma le parole nere sulla carta bianca sono l'anima messa a nudo.

Guy de Maupassant, Il nostro cuore

*

Il Signore ha bisbigliato qualcosa all'orecchio della rosa

ed eccola aprirsi al sorriso; il Signore ha mormorato qualcosa

al sasso ed eccolo divenire gemma preziosa, scintillante nella miniera;

il Signore ha detto qualcosa all'orecchio del sole, ed ecco

la guancia del sole coprirsi di mille eclissi.

Ma che cosa avrà mai bisbigliato il Signore all'orecchio dell'uomo,

perché egli solo sia capace di amare e di amarlo?

Ha bisbigliato una sola parola: Amore.

(Gialal Ed-Din Rumi, mistico sufita, XIII secolo)

*

Il valore delle cose non è determinato dal tempo che durano, ma dalla intensità con le quali succedono. Per questo, esistono momenti indimenticabili, cose inspiegabili e persone incomparabili.

Fernando Pessoa

*

Il futuro appartiene a quelli che credono nella bellezza dei loro sogni.

Eleanor Roosevelt

*

Non ho paura di morire; ho paura, sì, di smettere di vivere.

Francois Mitterand

*

Il tempo non aspetta nessuno. Ieri è Storia. Il domani un mistero, l'oggi è un regalo, per questo è chiamato il "presente".

Adalberto Godoy

*

… E il passato è il passato, e questo è ciò che si intende per tempo, e il tempo è uno dei tanti nomi della morte, e quanto al Cielo, è uno stato dove "le cose di prima sono passate".

C. S. Lewis – "Diario di un dolore"

La poesia. La poesia è vita aggiunta alla vita. E' vita al quadrato.

Vittorio Gassman

*

Meglio immaginarsi che viversi.

Marco Castoldi (Morgan – critico e autore musicale)

*

Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole.

Alda Merini

*
La tendenza di una poesia dev'essere lasciata completamente al caso.

Friedrick Schlegel

*
Se tu pensi un finito innalzato all'infinito pensi un uomo.

F. Schlegel

*
La verità è materia sconosciuta.

F. Nietzsche

*
L'incontro fra due personalità è come il contatto fra due sostanze chimiche: se c'è una reazione, entrambe si trasformano.

Carl G. Jung

*

La vita non è come una valigia! La valigia più è piena e più è pesante. La vita più è vuota e più è pesante.

Mons. Tonino Bello

*

Tutti nascono con una propria originalità, ma molti muoiono come fotocopie.

Carlo Acutis, morto per leucemia a 15 anni, del quale è stato avviato l'iter per l'apertura della Causa di Beatificazione.

*

Quando la paura bussa alla porta, manda la fede ad aprire, e vedrai che non c’è nessuno.

Martin Luther King

*

Gocce di rugiada ( a cura di Terenzio Formenti)
3074
Intuisco i tuoi occhi nel profumo vegetale dell’acqua. Juan Baladàn Gadea

*

3075
E’ bello anche vivere il presente come un’eternità fra sogno e sogno. Joseph Newton

*

3081
Non sto qui, né là e neppure in alcun luogo, dove non affondano le mie radici. E io sono il vento, sono la pioggia, e io non sto nel tempo.

Pedro Paolo Pèrez Santiesteban

*

… Arrivo al mio centro,

alla mia algebra, alla mia chiave,

al mio specchio.

Presto saprò chi sono.

Jorge Luis Borges

*

Gli autori più originali non lo sono perché promuovono ciò che è nuovo, ma perché scrivono ciò che hanno da dire in un modo tale che sembri che non sia mai stato detto prima.

Johann Wolfgang von Goethe

*

‘Spiegare’ una poesia è un po’ come ucciderla.

Vittorio Farina

*

Ho un angelo che mi guarda dietro la spalla stanca, un angelo senza bilancia non

pesa la mia giornata. Un angelo che non mi condanna quando la rosa ferisco,

quando fuggo la speranza, quando batto la fronte sulla pietra del disinganno,

quando inganno la morte con rondini di carta. Ho un angelo che mi salva dietro

la spalla stanca.

Raffaele Carrieri

*

Ricordatevi che il sangue si ferma perché non vuole parlare.

Alda Merini

*

Forse il futuro è davvero già passato, ed è per questo che alcuni riescono a leggerlo con la stessa faciltà con cui noi tutti vediamo la luce di una stella che in verità si è già spenta da secoli.

Tiziano Terzani – ’ Un indovino mi disse’

*

Goccia di rugiada 2823 del 4.7.07

Anche il dolore può essere creativo. Alcuni ottengono quanto di meglio esiste nella vita, servendosi della gioia, altri della sofferenza.

Kahlil Gibran

*

Goccia di rugiada 2822 del 2.7.07- Il momento più divino dell’essere umano è quando riesce a meravigliarsi della vita.

Kahlil Gibran

*

Dio ha creato il corpo umano con i ritagli dello spazio, lo spazio con i ritagli del tempo, il tempo con i ritagli dell’eternità, l’eternità con i ritagli di Sé.

Maura Del Serra

*

Sto cercando il volto che avevo prima che il mondo fosse fatto.

W. B. Yeats

*

Mi sono seduto sul bordo di questa luce e ho letto nel cammino delle stelle.

(còlta fra le righe di autore dimenticato)

*

La parola abbaglia e inganna perché è mimata dal viso, perché la si vede uscire dalle labbra, e le labbra piacciono e gli occhi seducono. Ma le parole nere sulla carta bianca sono l’anima messa a nudo.

Guy de Maupassant, Il nostro cuore

*

Siamo il nostro ricordo,

un museo immaginario di mutevoli forme,

mucchio di specchi rotti.

J. L. Borges – “Cambridge”

*

La maggiore e più grave delle imprudenze è la propria prudenza, che si fida di sé, si trasforma in calcolo e prescinde dalle follie di Dio.

Oscar Romero

*

Tutto ciò che è visibile è attaccato all’invisibile, l’udibile al non-udibile, il sensibile al non-sensibile. Forse il pensabile all’impensabile.

Novalis, Frammenti

*

Infine, non han più bisogno di noi quelli che presto la morte rapì,
ci si divezza da ciò che è terreno, soavemente,
come dal seno materno…

Rainer Maria Rilke, Elegie udinesi

*

Il mio altro tempo. Il mio altro sogno. Il mio altro corpo. Tutto in me è altro. Non è mai stato. Non sarà mai nulla. Non è nulla. Tutto è finito, ma -nonostante sia svanito- permane, non scompare, oppure è solo rinviato, aggiornato, ma -anche se non arriverà mai- esiste, mi assomiglia, impegna il mio regno, ora, come se nonostante tutto, e al contempo, sia passato e trascorso. Tranne l’attimo della passione. Questo non contiene tempo, non ha tempo, non ha termine, né andata né ritorno.

Edwar al-Kharrat, L’altro Mediterraneo

*

Il sogno non ha testimoni.

[Proverbio cubano]

*

Qui in gioco c’è la storia che ci resta,

il poco che manca da qui alla morte.

Giovanni Raboni

*

E’ tutto un ascoltare, dal di dentro della vita,

un presagio di dove la vita andrà e o è già andata.

Biagio Cepollaro

*

Goccia di rugiada 2823 del 4.7.07

Anche il dolore può essere creativo. Alcuni ottengono quanto di meglio esiste nella vita, servendosi della gioia, altri della sofferenza.

Kahlil Gibran

*

Goccia di rugiada 2822 del 2.7.07
Il momento più divino dell’essere umano è quando riesce a meravigliarsi della vita.

Kahlil Gibran

*

La poesia. La poesia è vita aggiunta alla vita. E’ vita al quadrato.

Vittorio Gassman

*

Meglio immaginarsi che viversi.

Marco Castoldi (Morgan – critico e autore musicale)

*

Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole.

Alda Merini

*

La tendenza di una poesia dev’essere lasciata completamente al caso.

Friedrick Schlegel

*

Se tu pensi un finito innalzato all’infinito pensi un uomo.

F. Schlegel

*

La verità è materia sconosciuta.

F. Nietzsche

*

L’incontro fra due personalità è come il contatto fra due sostanze chimiche: se c’è una reazione, entrambe si trasformano.

Carl G. Jung

*

La vita non è come una valigia! La valigia più è piena e più è pesante. La vita più è vuota e più è pesante.

Mons. Tonino Bello

*

Quando la paura bussa alla porta, manda la fede ad aprire, e vedrai che non c’è nessuno.
Martin Luther King

*

Gocce di rugiada ( a cura di Terenzio Formenti)
3074
Intuisco i tuoi occhi nel profumo vegetale dell’acqua.

Juan Baladàn Gadea

*

3075
E’ bello anche vivere il presente come un’eternità fra sogno e sogno.

Joseph Newton

*

3081
Non sto qui, né là e neppure in alcun luogo, dove non affondano le mie radici. E io sono il vento, sono la pioggia, e io non sto nel tempo.

Pedro Paolo Pèrez Santiesteban

*

follia e santità della bellezza
forse questa è la chiave

Lalla Romano

*

Dio è l’insondabile, infinito sogno che ci sogna.

Domenico Porzio

*

La vita è un viaggio sperimentale fatto involontariamente.

Fernando Pessoa

*

L’amore è il fine ultimo della storia universale, l’amen dell’universo.

Novalis

*

Noi non siamo divini, ma siamo la stalla all’interno della quale qualche cosa di divino nasce.
Marie-Louise Von Franz

*

Ogni indagine umana deve prendere le mosse dalla meraviglia.

(antica sentenza greca, citata da Rudolf Steiner)

*

Un Io lasciato marinare nei succhi di morte del sogno sarà forse meglio preparato a una vita piena d’anima.

James Hillman – “Fuochi blu”

*

Chi non trova il paradiso quaggiù non lo troverà neanche in cielo. Gli angeli stanno nella casa accanto alla nostra ovunque noi siamo.

Emily Dickinson

*

La conoscenza è una piaga, e la coscienza una ferita aperta nel cuore della vita.

E. M. Cioran

*

La mia anima è l’ombra presente di una presenza scomparsa.

Fernando Pessoa

*

La preghiera è cosmica e siamo noi il senso dello splendore delle stelle.

David Maria Turoldo

*

Essendo un iper-spazio del pensiero, il sogno è più ricco sia del pensiero che della realtà esterna percettiva.

Ignacio Matte Blanco

*

Nell’ambito della vita interiore, la verità non ha una faccia sola, e molte sono dentro di noi le voci a cui dobbiamo dare ascolto.

Cesare Musatti

*

Un vero amore è una quiete accesa.

Giuseppe Ungaretti

*

Io sono stato prima; quando, dove o come non posso dirlo…

Dante Gabriel Rossetti

*

Essere un Errore ed essere Gettato fuori è una parte del Disegno di Dio.

William Blake

*

Le rose del tuo sangue imbevono la morte di dolcezza.

da “Senna Hoy” (ballate ebraiche)

*

Ci fioriscono gli occhi, se ci guardiamo… Credo che siamo angeli.

da “Al Principe del Graal” (ballate ebraiche)

*

Desidero infinitamente estasi luminose, eppure allo stesso tempo non ne vorrei, perché ad esse fanno inevitabilmente seguito le depressioni. Vorrei invece che un bagno di luce scaturisse da me e trasfigurasse il mondo intero, un bagno che, lungi dalla tensione dell’estasi, conservasse la calma di un’eternità luminosa. Avrebbe la leggerezza della grazia e il calore di un sorriso. Vorrei che il mondo intero galleggiasse in questo sogno di luce, in questo incantesimo di trasparenza e di immaterialità; che non vi fossero più ostacoli, materia, forme o confini. E in questa visione, vorrei morire di luce.

E. M. Cioran – da “Al culmine della disperazione”

*

L’unico vero viaggio, l’unico bagno di giovinezza, sarebbe non andare verso nuovi paesaggi ma avere nuovi occhi, vedere l’universo con gli occhi di un altro, di cento altri, vedere i cento universi che ciascuno vede, che ciascuno è.

Marcel Proust

*

Dio ha voluto che lo sguardo dell’uomo fosse la sola cosa che non può nascondere.

A. Dumas padre

*

Il cuore di una madre è un abisso in fondo al quale si trova sempre un perdono.

Honoré De Balzac

*

La giovinezza è felice perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio.

Franz Kafka

*

L’importante è mantenere vivo il sogno della vita. L’importante è volare.

Padre Bossi

*

Solo nel silenzio la parola,

solo nella tenebra la luce,

solo nella morte è vita;

fulgido è il volo del falco

nel cielo deserto.

La creazione di E’a

*

L’amore è un cerchio, e un cerchio non ha fine.

Proverbio russo

*

Che cosa ricorda una fiamma? Se ricorda

meno del necessario, si spegne; se ricorda

di più, si spegne. Se solo potesse insegnarci,

mentre brucia, a ricordare correttamente.

George Seferis, Stratis il marinaio descrive un uomo

*

Quando avrà fine il sognare?

Quando saremo un sogno insieme ai nostri sogni

Peter Porter

*

Per paura della notte, gli uomini fuggono la luna, e la Morte reclama il suo trono.

Charles L. Grant

*

Non siamo materia che aspetta, ma schemi che si perpetuano.

Norbert Wiener, Cyberneties

*

Quel che vai con gli occhi cercando, vanno gli occhi portando.

Meister Eckhardt

*

Se tu non scopri che tipo di persona io sia

E io non scopro che tipo di persona sia tu

Il disegno del mondo resterà in mano altrui

E guidati verso casa dal dio sbagliato

Perderemo di vista la nostra stella.

William Stafford

*

Nessun uomo può camminare due volte nello stesso fiume, perché la seconda volta non sarà lo stesso fiume, e lui non sarà più lo stesso uomo.

Eraclito

*

Non vide che metà universo, colui al quale

non fu mai mostrata la casa del dolore.

Emerson

*

Perché né l’uomo né l’angelo sanno riconoscere l’ipocrisia, l’unico male che si aggira invisibile a tutti, tranne che a Dio.

John Milton, Paradiso perduto

*

Siamo tutti libri di sangue; in qualunque punto ci aprano, siamo rossi.

Clive Barker (Libro di sangue 5 – Visioni)

*

Un tuorlo

sanguigno. Una bruciatura

che si va aprendo in un lenzuolo.

Una rosa infocata

che minaccia di sbocciare.

May Swenson

*

Non c’è nessuna notte così profonda

come questo inevitabile abisso della mente,

dove io ora dimoro solo con i miei nemici.

[da una poesia senza titolo di Olive Fraser]

*

Non importa contro chi ti trovi a combattere; il tuo avversario è sempre te stesso.

Nakamura

*

La realtà traveste il sogno.

Pedro Salinas

*

Lo spirito dell’uomo moderno non può liberarsi dal fascino del soprannaturale.

Doktor Faustus, Thomas Mann

*

Nessun viaggio oltre la morte è più ricco di mistero della vita.

The Book of Counted Sorrows

*

Nel vagito del neonato si fonde il lamento per i morti.

Lucrezio

*

Le forze che si ripercuotono sulla nostra vita, le influenze che ci modellano e ci formano, sono spesso come sussurri in una stanza lontana, fastidiosamente indistinti e percepibili a stento.

Charles Dickens

*

“Io sono l’oscuro, il paziente pescatore di perle che sprofonda nei fondali e che riemerge con le

mani vuote e il volto cianotico. Un’attrazione fatale mi attira negli abissi del pensiero, al fondo

delle voragini interiori che non inaridiscono mai per i forti. Passerei la mia vita a guardare

l’oceano dell’arte in cui altri navigano o combattono, e mi piacerebbe talvolta andare nel fondo

dell’acqua a cercare conchiglie verdi o gialle, che nessuno vorrebbe. Così le terrei per me, e ne

tappezzerei la mia capanna…”

G.Flaubert

*

Risollevami da me e innalza la mia vita verso

ciò che tu desideri –

la luce, il cielo, la distanza e il mattino,

finché non sarò non nato

di nuovo alla pura dispersione nei mari

dell’alta brezza

che ti parla della luce prima che la luce sia nata,

finché il piacere

di essere senza essere non mi trasformerà in

cielo e canzone!

Fernando Pessoa

*

Il vento con i suoi coltelli

Noi carne aperta più vasta del mare

Chiglie di ruggine viaggiano sulle ferite

Sulle nostre rotte disperate

Elio Corianò

*

Goccia di rugiada n. 2448 del 2.10.05 a cura di Terenzio Formenti

Tornerai al tuo nido di mare e di stelle a cercare l’anima antica di un fiore selvaggio. Tornerai fra le onde volando veloce e leggera sui cristalli dell’ultimo inverno.

Romualdo

*

I nostri sogni sono la parte migliore e più dolce della nostra vita, il momento in cui noi siamo più noi.

Renan

*

La grande difficoltà che incontriamo a immaginare una vita dopo la morte, dipende dalla tendenza a identificarci col nostro corpo.

Marie-Louis Von Franz

*

Noi siamo in quanto siamo pensati.

David Maria Turoldo – “Il dramma è Dio”

*

In fondo ogni uomo è una pietra, a suo modo. Ogni vita lo è. Le vite sono come i sassi, rotolano una accanto all’altra, cozzano, si rompono in frammenti; e i frammenti si scontrano con altri frammenti… Ogni vita è ricordo e possibilità di un’altra vita. Una vita può raccontare altre vite, o esserne il riassunto. Riassunto di un’identità, dove si capisce cosa porta qualcuno alle proprie scelte, cosa le comanda, se davvero esiste un libero arbitrio al di là del vortice dove ogni giorno ruotiamo di moto proprio, sulla spinta di altri moti che ci hanno toccato prima, che ci toccheranno…

Sasha Naspini – “I sassi”

*

Non c’è vita che almeno per un attimo non sia immortale. La morte è sempre in ritardo di quell’attimo.

Wyslawa Szymborska

*

Quando una poesia è scritta è terminata, ma non finisce; comincia, cerca un’altra poesia in se stessa, nell’autore, nel lettore, nel silenzio.

Pedro Salinas

*

Il tempo passato a scrivere lettere d’amore, il mio sangue e le notti non appartenevano che a te (dedica ad Angela)

Felice Serino

*

L’amore è il fine ultimo della storia universale, l’amen dell’universo.

Novalis

*

Noi non siamo divini, ma siamo la stalla all’interno della quale qualche cosa di divino nasce.

Marie-Louise Von Franz

*

Vuoi celare te stesso!

Il cuore non ubbidisce,

diffonde luce dagli occhi.

R.Tagore

*

E’ stolto il cuore che non capisce il suo sbaglio:

in pianto cerca tra le stelle

fiori appassiti.

R.Tagore

*

Il Signore ha bisbigliato qualcosa all’orecchio della rosa

ed eccola aprirsi al sorriso; il Signore ha mormorato qualcosa

al sasso ed eccolo divenire gemma preziosa, scintillante nella miniera;

il Signore ha detto qualcosa all’orecchio del sole, ed ecco

la guancia del sole coprirsi di mille eclissi.

Ma che cosa avrà mai bisbigliato il Signore all’orecchio dell’uomo,

perché egli solo sia capace di amare e di amarlo?

Ha bisbigliato una sola parola: Amore.

(Gialal Ed-Din Rumi, mistico sufita, XIII secolo)

*

Il valore delle cose non è determinato dal tempo che durano, ma dalla intensità con le quali succedono. Per questo, esistono momenti indimenticabili, cose inspiegabili e persone incomparabili.

Fernando Pessoa

*

Il futuro appartiene a quelli che credono nella bellezza dei loro sogni.

Eleanor Roosevelt

*

Non ho paura di morire; ho paura, sì, di smettere di vivere.

Francois Mitterand

*

Il tempo non aspetta nessuno. Ieri è Storia. Il domani un mistero, l’oggi è un regalo, per questo è chiamato il “presente”.

Adalberto Godoy

*

… E il passato è il passato, e questo è ciò che si intende per tempo, e il tempo è uno dei tanti nomi della morte, e quanto al Cielo, è uno stato dove “le cose di prima sono passate”.

C. S. Lewis – “Diario di un dolore”

*

Il mistero che, nel sogno, fissa il suo sguardo su di noi, non è mai cattivo. E’ sempre una sorridente carezza che ci viene dal cuore degli universi. Il normale patrimonio di cellule cerebrali perde il senso di orientamento mentre ci si addormenta. E’ come se ci aggirassimo in una città ignota: il luogo che sta negli spazi dove non esistono direzioni codificate, leggi di gravità, dove tutto è follia nutrita di smisurata saggezza. Là, ci muoveremo davvero dopo la morte.

Alberto Bevilacqua – da: “Sorrisi dal Mistero”

*

I poeti parlano un linguaggio di grandezza, come se fossero appena tornati dall’eternità per un breve soggiorno sulla terra.

Robert Musil

*

“L’amore è una distrazione, dei cristalli conficcati nel palmo della mano, uno spillo di vetro che circola nel corpo, una finestra aperta sulle felci, su un pianoforte, è un sole, un occhio sulla fronte, un mare scintillante, una notte turbata da un’infinità di stelle, la disperazione impacchettata in un giornale vecchio…”

Tahar Ben Jelloun

*

Credete sempre nei sogni, perché in essi è celata la porta per l’eternità.

Kahlil Gibran

*

Tra la nostra anima e il nostro corpo ci sono tante piccole finestre, da lì, se sono aperte, passano le emozioni, se sono socchiuse filtrano appena, solo l’amore le può spalancare tutte insieme e di colpo, come una raffica di vento.

Susanna Tamaro

*

Spiuma la vita il suo sogno di volo.

Alberto Bevilacqua

*

Se ogni giorno cade dentro ogni notte,

c’è un pozzo dove la chiarità è rinchiusa.

Bisogna sedersi sulla riva del pozzo dell’ombra

a pescare luce caduta,

con pazienza.

Pablo Neruda

*

Goccia di rugiada n. 2280 del 3.2.05

Le stelle tutte stavano sedute, bimbe nude, dondolando senza fine nell’azzurro le gambe, in fila al margine dei cieli. Mentre arrivavo, per gioco mi urtavano con i piedi l’anima, e ridendo mi gettavano nel giorno, frastornato dal risveglio.

Juan Ramon Jimenez

*

Goccia di rugiada n. 1748 dell’1.6.03

La particella cosmica che naviga nel mio sangue… venne a me dopo un lungo cammino di millenni, quando forse fui sabbia, ai piedi dell’aria.

Atahualpa Yupanqui

*

… la veglia è un sogno sorvegliato.

George Santayana

*

La cosa più bella di cui possiamo fare esperienza è il mistero. E’ la fonte di tutta la vera arte e scienza.
Albert Einstein

*

Quando muore una persona che hai amato, invece che pensare alla sfortuna di averla perduta, pensa alla fortuna di averla avuta.

L. D’Arrigo

*

Mi sento multiplo. Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici che distorcono in riflessi falsi un’unica anteriore realtà che non è in nessuno ed è in tutti.

Fernando Pessoa

*

Alla fine del viaggio ci troveremo al punto di partenza.

T. S. Eliot

*

Un Io lasciato marinare nei succhi di morte del sogno sarà forse meglio preparato a una vita piena d’anima.

James Hillman – “Fuochi blu”

*

Chi non trova il paradiso quaggiù non lo troverà neanche in cielo. Gli angeli stanno nella casa accanto alla nostra ovunque noi siamo.

Emily Dickinson

*
follia e santità della bellezza

forse questa è la chiave

Lalla Romano

*

Dio è l’insondabile, infinito sogno che ci sogna.

Domenico Porzio

*

La vita è un viaggio sperimentale fatto involontariamente.

Fernando Pessoa

*

L’amore è il fine ultimo della storia universale, l’amen dell’universo.

Novalis

*

Noi non siamo divini, ma siamo la stalla all’interno della quale qualche cosa di divino nasce.
Marie-Louise Von Franz

*

Ogni indagine umana deve prendere le mosse dalla meraviglia.

(antica sentenza greca, citata da Rudolf Steiner)

*

Sono talmente solo che lo specchio non mi riflette più.

Leo Longanesi

*

Sospetto che l’universo sia non solo più strano di quanto supponiamo, ma più strano di quanto siamo capaci di supporre.

John Scott Haldane

*

Chiunque può vivere per tre giorni senza pane, ma nessuno può vivere anche un solo giorno senza poesia.

Charles Baudelaire

*

Tutti pensano di cambiare il mondo, nessuno di cambiare se stesso.

Lev Tolstoj

*

Una vita senza ricerca non vale la pena di essere vissuta.

Socrate

*

Io sono il suo albero, lei il mio cuore inciso.

Jacques Prevert

*

É proprio di un grande animo dimenticare un’offesa.

Seneca

*

Beato colui che non si aspetta nulla perche’ non sara.. mai deluso.

Alexander Pope

*

Il mondo non è uno spettacolo ma un campo di battaglia.

Giuseppe Mazzini

*

Per farsi capire dalle persone, bisogna parlare prima di tutto ai loro occhi.

Napoleone

*

La bellezza è l’eternità che si mira in uno specchio.

Kahlil Gibran

*

Più mi spiego e meno mi capisco.

Eugène Ionesco

*

A provocare un sorriso è quasi sempre un altro sorriso.

Anonimo

*

La più eccitante attrazione è esercitata da due opposti che non si incontreranno mai.

Andy Warhol

*

Chi vuole avere la libertà gratis mostra di non meritarla.

Ernst Jünger

*

Se l’aria mi raccontasse, vorrei perdermi sempre nel vento.

Eugenio Montale

*

Il mio involucro invecchia ma io devo ancora nascere.

Marilyn Monroe

*

La ghianda ha per destino la quercia.

(dal film “L’uomo che cavalcava nel buio”)

*

Un segno del nostro passaggio, può essere proprio la poesia.

Maristella Angeli

*

Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto.

Cor. 13, 4-13

*

Signore, tutto il mondo davanti a te
è come polvere sulla bilancia.

Sap. 11, 22-23

*

Il tempo è un grande autore. Trova sempre il perfetto finale.

Charles Chaplin in “Luci della ribalta”

*

Quella della musica è una delle tre vie per le quali l’anima ritorna al cielo.

Torquato Tasso

*

In visioni di notturna tenebra spesso ho sognato svanite gioie mentre un sogno, da sveglio, di vita e di luce, m’ha lasciato col cuore implacato.

E. A. Poe

*

il lampo della radice tiene alte le stelle

Maria Grazia Calandrone

*

Ciò che per il bruco
è la fine del mondo
in realtà
è una bellissima farfalla

(Lao-Tsè)

<<<

E' perché l'Infinito

concepì in sé stesso una Gioia infinita

che i mondi e gli universi nacquero.

Sri Aurobindo

<<<

Un essere umano é parte di un intero chiamato universo.
Egli sperimenta i suoi pensieri e i suoi sentimenti come qualcosa di separato dal resto: una specie di illusione ottica della coscienza.
Questa illusione é una specie di prigione.
Il nostro compito deve essere quello di liberare noi stessi da questa prigione attraverso l'allargamento del nostro circolo di conoscenza e di comprensione, sino ad includere tutte le creature viventi e l' interezza della natura nella sua bellezza.

Albert Einstein

<<<

Il poeta tende a creare un rapporto esatto tra l'oggetto e la parola; ma sempre con un piede nella carne.
Dylan Thomas

*

“Certo, la mia vita è già piena di morti, ma il più morto dei morti è il bambino che fui. Eppure,
quando verrà l’ora, sarà lui a riprendere posto alla testa della mia vita, riunirà i miei poveri anni,
fino all’ultimo, e come un giovane capo con i suoi veterani, radunando la truppa sparpagliata,
entrerà per primo nella Casa del Padre”.
G. Bernanos

*

Vita è un rigo, lungo filato, e morire è un andarsene a capo senza il corpo.
Erri de Luca (da Tre cavalli)

*

Di inguaribile c'è solo la mia voglia di vivere.
Mario Melazzani, medico (affetto da sclerosi laterale amiotrofica)

*

Sono veramente io in questa eternità causale e simbolica dello stato di mezz'anima nel quale illudo me stesso.
Fernando Pessoa "Il libro dell'inquietudine"

Un orrore per il dover vivere si è alzato dal letto insieme a me.
F. Pessoa

Ho mal di testa e di universo.
F. Pessoa

Perché scrivo se non scrivo meglio? Ma cosa sarebbe di me se non scrivessi ciò che riesco a scrivere per quanto nello scrivere io sia inferiore a me stesso?
F. Pessoa

<<<

Di tutti i vuoti
Il più brutto da guardare
È quello dei tuoi occhi
Quando menti.

Franco Buffoni
(Aforismi ed Extempore Poems)
http://www.ebook-larecherche.it

+

Uno scrittore si purifica scrivendo, perché scrivere è confessarsi.
Gilbert Paraschiva

*

La vecchiaia comincia nel momento in cui ti rendi conto che niente di meraglioso ti aspetta dietro l'angolo.

*

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.
(da "Il tempo ritrovato" – Marcel Proust)

*

"Felice te che credi che il mondo sia immenso / mentre è solo un salvacondotto impuro / per la morte del giorno."

*

La morte è l'unica cosa nuova che mi può ancora succedere.
Tiziano Terzani – La fine è il mio inizio

*

"Viviamo su un pezzo di roccia e metallo che gira intorno a una stella banale, una fra quattrocento miliardi di altre stelle della galassia nota come Via Lattea, la quale è una fra i miliardi di altre galassie che costituiscono un universo che potrebbe essere uno fra moltissimi altri universi, forse un numero infinito…". Carl Sagan (Estratto da "13 cose che non hanno senso", di Michael Brooks, edito da Longanesi).

*

Ascolterò il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde.
Kahlil Gibran

*

Spero di trovare la mia anima tra le labbra di Dio, perchè ho conosciuto la fede in un bacio tra la vita e la morte.
Michela Zanarella

I miei polsi mangiano cielo e sanno l’odore di un delirio di luce.
Michela Zanarella

Signore, non so se tu sei contento di me.
So che io sono contento di te.
Bourdaloue

“Cancella spesso, se vuoi scrivere cose che siano degne d’essere lette.”
(Orazio)

*

Una ricerca di luce, altro non siamo.
Ghiorgos Seferis

*

Siamo alberi con le radici capovolte verso il cielo.
Raffaele Morelli

*

la vita sarà più forte del taglio,
prenderà nuovo vigore…
Karol Wojtyla “L’albero ferito”)

*

Siamo tutti soli. Soli plurale di sole.
Giorgio Cerquetti

*

Non chiuderti sempre in te stesso.
Potresti smarrire la chiave.
Pippo Compagno

*

Assenza più acuta presenza
Attilio Bertolucci

*

Un segno del nostro passaggio, può essere proprio la poesia.
Maristella Angeli

*

il lampo della radice tiene alte le stelle
Maria Grazia Calandrone
*

Il treno è visione laterale della vita
Marco Paolini

*
scruto nel Trafitto
il raggio verde che separa il diaspro [varietà di quarzo]
Alessandro Rivali
*

rifonderemo
secondo luce migliore
A. Rivali
*
Non viviamo se non specchiandoci l’uno nel sogno dell’altro.

*

La vita è come un respiro: se la tieni per te, soffochi.
Don Roberto Seregni

*
Aforismi e massime
di Andrea Mucciolo

Per cercare l’oro, vai da solo, affinché nessun altro possa rubarti ciò che troverai. Quando vai alla ricerca della felicità, vacci in compagnia, perché se troverai la felicità e non avrai nessuno con la quale condividerla, marcirà come un frutto maturo che non viene mangiato. Lasciato solo, su di una squallida credenza.
*
L’arte del perdono è la più difficile che io conosca. Ma è anche l’unica capace di far rinascere una persona.

*
Il male esiste; stanne fuori, o ne subirai le conseguenze.
Piero Donato

*
Gli amici si dicono sinceri, ma in realtà sinceri sono i nemici.
Arthur Schopenhauer

*
Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio. La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce.
Platone

*
“Estrema aspirazione della poesia è compiere il miracolo nelle parole, di un mondo risuscitato nella sua purezza originaria e splendido di felicità”.
(Giuseppe Ungaretti)

*
“[…] La musica della poesia, col suo dono divino, aiuta a svelare la realtà e a coglierne i significati altri o nascosti. Ma senza gonfiarne retoricamente le caratteristiche. La poesia è come il pane: semplice e sacra. È un filo elettrico in grado di connetterci con l’infinito, con la natura, con l’anima del mondo. È come la preghiera dei mistici, senza più lingua di appartenenza, senza marchi di religioni superiori, senza confini”.
(Fuad Rifka)

*
“La natura poetica del pensiero è ancora avvolta nell’ombra. Ora essa si manifesta, assomiglia per lungo tempo all’utopia di un intelletto semipoetico. Ma il poetare pensante è, in verità, la topologia dell’essere. Essa indica il luogo ove dimora la sua essenza”.
(Martin Heidegger)

*
“La parola è pensiero incarnato. Il poeta non usa parole logore o conservate come farfalle morte infilzate nei vocabolari, ma parole primigenie che aprono spiragli sulla profondità, che quindi sconfinano nella trascendenza”.
(Karl Rahner)

*
“La poesia è voce del potere cosmico che muove la mano di chi si lascia andare alle emozioni. C’è un impulso misterioso che viene dall’alto, al di là della stessa consapevolezza e della cultura. E questa è la forza della grande creatività che si esprime in versi. Anche se sembra fuori moda rispetto alla nostra fissazione scientifica, nella poesia che conta c’è sempre una scintilla divina”.
(Fuad Rifka)

*
Portare la giovinezza
è portare un peso tremendo,
sognare fughe e fardelli d’amore.
Alda Merini

*

Le cose non hanno significato, hanno esistenza.
Le cose sono l’unico senso occulto delle cose.

*

La vita è ciò che facciamo di essa.
I viaggi sono i viaggiatori.
Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo.

Fernando Pessoa

*

Sia che da ambizione, sangue, o lussuria cadiamo, come i diamanti noi siamo tagliati con la nostra stessa polvere.

John Webster
Da In The Duchess of Malfi

*

L’origine dei nostri atti sta nella propensione inconscia a ritenerci il centro, la ragione e l’esito del tempo. I nostri riflessi e il nostro orgoglio trasformano in pianeta la briciola di carne e di coscienza che noi siamo. Se avessimo il giusto senso della nostra posizione nel mondo, se confrontare fosse inseparabile dal vivere, la rivelazione della nostra infima presenza ci schiaccerebbe. Ma vivere significa ingannarsi sulle proprie dimensioni

Emil Cioran

*

Dio è un’impresa che non fallisce mai.
Padre Pietro Lavini

*

Il sogno è una costruzione dell’intelligenza, cui il costruttore assiste senza sapere come andrà a finire.
(Cesare Pavese)

*

Non permetterò agli altri di attraversare la mia mente coi loro piedi sporchi.
Gandhi

*

Per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte.
Kahlil Gibran

*

Questa è un’epoca in cui tutto viene messo in vista sulla finestra,
per occultare il vuoto della stanza.
Dalai Lama

*

La perdita di senso è un acido corrosivo per l’anima.
Daniele Trevisani

*

Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo.
Alda Merini

*

Il dolore è sempre
maggiore dell’uomo,
e ciò nonostante deve
entrargli nel cuore.
(Vladimir Holan)

*

Come fuggirti senza la morte, vita? Infinite pene
sono in te; né evitarle né accettarle è facile a noi.
Dolci in te sono le cose che la natura fa belle:
la terra, il mare, gli astri, il cerchio della luna,
il cerchio del sole. Ma ogni altra cosa è paura
e tormento. Se il nostro cuore è toccato da un bene,
la misura sarà pareggiata dalla vendetta di un male.
(Esopo (?) VI sec. a. C.)

*

Dio è un’impresa che non fallisce mai.
Padre Pietro Lavini

*
“E poi non sapevo più cosa guardare e guardai il cielo”.
Italo Calvino

*
Il sogno è una costruzione dell’intelligenza, cui il costruttore assiste senza sapere come andrà a finire.
(Cesare Pavese)

*

Tu mi guardi mentre io ti guardo dentro
e se ti guardo dentro mi vedo.
(Antonio Porta)

*

Non permetterò agli altri di attraversare la mia mente coi loro piedi sporchi.
Gandhi

*

Per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte.
Kahlil Gibran

*

Desidero raggiungere l’isola dei canti che è oltre questo violento mare di urla.
Rabindranath Tagore

*

La perdita di senso è un acido corrosivo per l’anima.
Daniele Trevisani

*

“Si è detto che il poeta è il grande terapeuta. In questo senso, il fare poetico implicherebbe l’esorcizzare, lo scongiurare e anche il riparare. Scrivere una poesia è riparare la ferita fondamentale, lo strappo. Perché siamo tutti feriti.”
Alejandra Pizarnik

*

La poesia è essenziale per l’essere umano, perché l’essere umano non può raggiungere la verità: il massimo a cui può arrivare è la bellezza.
(Alejandro Jodorowski)

*

Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo.
Alda Merini

*

Poesia è l’arte di caricare ogni parola del suo massimo significato
Ezra Pound

*

Conosciamo noi stessi solo fin dove siamo stati messi alla prova.
Wislawa Szymborska

*

Il dolore è sempre maggiore dell’uomo,
e ciò nonostante deve entrargli nel cuore.
(Vladimir Holan)

 

 

 

+++

Lui morirà ed io morirò.
Lui lascerà l’insegna, io lascerò dei versi.
A un certo momento morirà anche l’insegna, e anche i versi.
Dopo un po’ morirà la strada dov’era stata l’insegna,
e la lingua in cui erano stati scritti i versi.
Morirà poi il pianeta ruotante in cui è avvenuto tutto questo.
(Tabaccheria, Poesie di Álvaro de Campos) – FERNANDO PESSOA

Sì, c’è la morte in questa impresa di caccia, l’indicibilmente fulminea, caotica spedizione di un uomo nell’Eternità. Ma e con questo? Io credo che abbiamo preso un grosso abbaglio in questa faccenda della Vita e della Morte […] Credo che il mio corpo sia soltanto la feccia del mio essere migliore. Di fatto, prenda il mio corpo chi vuole: prendetelo, non sono affatto io.
Herman Melville, Moby Dick

“Tu sarai amato, il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza, senza che l’altro se ne serva per affermare la sua forza.” (Cesare Pavese)

La vita non viene dalle cose, ma da noi. Tutto ciò che accade fuori è già accaduto. Perciò chi osserva l’evento da fuori vede sempre ciò che è già stato e che è sempre uguale. Chi invece guarda da dentro sa che tutto è nuovo. Le cose che accadono sono sempre le stesse. Non è sempre uguale invece la profondità creativa dell’essere umano. Le cose di per sé non significano nulla, assumono un significato soltanto dentro di noi. Siamo noi a dare un significato alle cose. Il significato è ed è sempre stato artificiale. Siamo noi a crearlo. Ciò di cui abbiamo bisogno proviene da noi stessi, ed è il significato delle cose. Il significato delle cose non è il senso che è loro proprio. Questo senso si trova nei libri dotti. Le cose sono prive di senso. Il significato delle cose è la via della redenzione che ci creiamo noi stessi. Questo significato delle cose è il senso superiore che non si trova nelle cose stesse e neppure nell’anima , è piuttosto Dio che si trova tra le cose e l’anima, il mediatore della vita, la via, il ponte, il passaggio.
Jung – “il libro rosso”

SE GIOVANE
(di Giorgio Bàrberi Squarotti)

Il rapido tramonto tra le brune
nuvole, il mare spento oltre la cenere
della spiaggia deserta, se non fosse
l’ombra incerta di un vecchio, che un suo libro
legge, e accanto ha un bicchiere quasi vuoto
di carta, l’orizzonte è rotto e n’esce
una lama di bianco, minacciosa:
tanto giovane non sarò mai più.

claudia sogno

Un buio d’aria

Viene ancora tra gli alberi la sera
un’altra lingua, quasi nulla, appena un vento
se sussurro: che Dio ti benedica

con la fragilità
che io immagino degli angeli
quando spostano tra i fiori
un buio d’aria

È necessario cercare di capire che la vita nel mondo spirituale non è un sogno nebuloso. E’ invece piena di attività e altrettanto reale della vita che ognuno vive qui sulla Terra. Siamo abituati a pensare al mondo materiale come reale e solido, anche se in realtà non è così, come la Fisica dimostra. Le cose della mente, o dello Spirito, ci sembrano oscure e vaghe, ma per coloro che vivono dall’Altra Parte, il mentale è il ‘vero’, mentre il fisico è l’ombra.
Questo, senza dubbio, sarà un po’ difficile da cogliere per voi, ma troverete una perfetta analogia se pensate ai vostri sogni. Quando si sogna, tutte le cose che si incontrano sono reali nel momento del loro accadere, e diventano sogni solo quando vi svegliate. Ma se non vi svegliaste mai ed il sogno fosse lo stato perenne della vostra esistenza, allora quello stato onirico sarebbe la vostra realtà.

… la scrittura, è potenzialmente capace di generare onde concentriche all’infinito…
Angela Greco (AnGre)

Jorge Luis Borges, L’albero degli amici

Nelle nostre vite esistono persone che ci rendono felici per la semplice casualità di averle incrociate nel nostro cammino.
Alcune percorrono il cammino al nostro fianco, vedendo molte lune passare, altre che vediamo appena tra un passo e l’altro. Tutte le chiamiamo amici e ce ne sono di diversi tipi. Forse ogni foglia di un albero rappresenta uno dei nostri amici.
Il primo che nasce da un germoglio è il nostro amico papà e nostra amica mamma che ci mostrano com’è la vita. Poi vengono gli amici fratelli, con i quali dividiamo il nostro spazio perché possano fiorire come noi. Passiamo a conoscere tutta la famiglia di foglie che rispettiamo e alle quali auguriamo ogni bene.
Ma il destino ci presenta altri amici, che non sapevamo di incontrare nel nostro cammino . Molti di loro li chiamiamo amici dell’anima, del cuore.
Sono sinceri, sono veri. Sanno quando non stiamo bene, sanno ciò che ci rende felici. E a volte uno di quegli amici dell’anima si installa nel nostro cuore e allora viene chiamato innamorato. Questo amico da luce ai nostri occhi, musica alle nostre labbra, salti ai nostri piedi.
Ma ci sono anche gli amici “del momento“, di una vacanza di alcuni giorni o di alcune ore. Sono soliti collocare molti sorrisi sul nostro volto, per tutto il tempo in cui siamo vicini. Parliamo di quelli vicino, non possiamo dimenticare gli amici lontani, quelli che sono nella punta dei rami e che quando soffia il vento appaiono sempre tra una foglia e l’altra. Il tempo passa, l’estate se ne va, l’autunno si avvicina e perdiamo alcune delle nostre foglie, alcune nascono un’altra estate e altre resteranno per molte stagioni.
Però ciò che ci rende più felici è che quelle che sono cadute continuano vicine, aumentando la nostra radice con allegria. Sono momenti di ricordi meravigliosi di quando le incontrammo nel nostro cammino.
Ti auguro, foglia del mio albero, pace, amore, salute, fortuna e prosperità.
Oggi e sempre… semplicemente perché ogni persona che passa nella nostra vita è unica. Sempre lascia un po’ di sé, e si porta via un po’ di noi.
Ci sarà chi si è portato via molto, ma non ci sarà mai chi non ci avrà lasciato nulla.
Questa è la più grande responsabilità della nostra vita e la prova evidente che due anime non si incontrano per caso.

+

Poiché alla sofferenza istintivamente ci ribelliamo, la capacità di “soffrirla” è indispensabile alla vita e alla salute mentale.
Soffrire il dolore è un’esperienza psichica penosa che tuttavia proviamo perché siamo vivi e sensibili; sensibili e dunque anche consolabili, anche capaci di piacere, desiderio, tenerezza, amore.
Così se il dolore troppo intenso non accompagnato, non capito può uccidere mentalmente o fisicamente, la capacità di soffrire il dolore è una conquista. Ma una conquista che avviene all’interno e per il tramite di una relazione.
La conquista (evolutiva e analitica) del soffrire il dolore, di poter avere un’esperienza (emotiva) del dolore (proprio e altrui) in effetti si situa all’interno del più ampio problema della capacità di avere esperienza delle emozioni in generale, di dare senso e tollerabilità alle emozioni […]
Il dolore dell’analista di A.Lupinacci, Astrolabio Ubaldini Editore, p.3

Tranströmer

un chiarore blu…una fessura
attraverso la quale i morti
passano clandestinamente il confine.

<>.

P. Salinas

“La memoria costruisce templi contro la morte”
terezin

Un cielo così sporco non si rischiarerà senza una tempesta.
W. Shakespeare

Come gli alchimisti
che ricercarono la pietra filosofale
nel mercurio fuggitivo,
io farò che le parole comuni
rendano la magia che fu loro
quando Thor era il nume e il fragore
il tuono e la preghiera.

Jorge Luis Borges – Da Browning resuelve ser poeta

E l’amore guardò il tempo e rise,
perché sapeva di non averne bisogno.
Finse di morire per un giorno,
e di rifiorire alla sera,
senza leggi da rispettare.
Si addormentò in un angolo di cuore
per un tempo che non esisteva.
Fuggì senza allontanarsi,
ritornò senza essere partito,
il tempo moriva e lui restava.

Luigi Pirandello

“La gente chiede: ‘Ma come? Vedi cose belle e buone nel futuro, quando ora il male è così predominante e cresce di giorno in giorno?’. Eppure è proprio questo l’ordine delle cose: il buio è stato messo nel mondo soltanto per sfidare la luce. Quando la luce si fa più intensa, il buio si infittisce per sfidarla.” (Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Mi porto dentro i miei volti precedenti, come un albero contiene i suoi anelli. Io sono la loro somma.
TOMAS TRANSTRÖMER, Per i vivi e per i morti

.

Attraverso tutti gli esseri passa l’unico spazio
spazio interiore del mondo
Silenziosi volano gli uccelli attraverso di noi
Io che voglio crescere guardo fuori
ed è in me che cresce l’albero.

(R. M. Rilke)

Il dolore è passato. La vita lo ha trasformato in qualcos’altro; dopo averlo provato, dopo aver singhiozzato, lo si nasconde agli occhi del mondo come una mummia da custodire nel padiglione funerario dei ricordi. Passa anche il dolore provocato dall’amore, non credere. Rimane il lutto, una specie di cerimonia ufficiale della memoria. Il dolore era altro: era urlo animalesco, anche quando stava in silenzio. È così che urlano le bestie selvatiche quando non comprendono qualcosa nel mondo – la luce delle stelle o gli odori estranei – e cominciano ad avere paura e ululare. Il lutto è già un dare senso, una ragione e una pratica. Ma il dolore un giorno si trasforma, la vanità e il risentimento insiti nella mancanza si prosciugano al fuoco purgatoriale della sofferenza, e rimane il ricordo, che può essere maneggiato, addomesticato, riposto da qualche parte. È quel che accade ad ogni idea e passione umane.

Sandor Marai

“La poesia non è un modo di esprimere un’opinione. E’ un canto che sale da una ferita sanguinante o da labbra sorridenti.”
Kahlil Gibran

nascere è cadere nel corpo
Marina Cvetaeva

Là, in disparte da noi, in disparte dal mondo, un’onda dietro l’altra s’infrange sulla riva,
e sull’onda la stella, e l’uomo, e l’uccello, e il reale, e i sogni, e la morte: un’onda dietro l’altra … Andrej Tarkovskij

Angelus

Guarda, Platero, quante rose cadono dappertutto! Azzurre, rosse, bianche, senza colore. Si direbbe che il cielo stesso sia diventato uno splendido giardino di rose.
Guarda come mi si addensano sulla fronte, sulle spalle, sulle mani…Che cosa farò mai con tante rose?
Tu, forse, sai dirmi da dove venga questo fiore delicato, perché io non lo so; questo fiore che ogni giorno fa tenero il paesaggio e lo fascia dolcemente di rosa di bianco e di celeste, rose, rose, rose ancora, come un quadro del Beato Angelico, che dipingeva in ginocchio il cielo?
Si potrebbe pensare che dalle sette sfere del Paradiso lascino cadere una pioggia di rose sulla terra. Come in una nevicata lenta e vagamente colorata, le rose si posano sulla torre, sul tetto, sugli alberi. Tutte le cose, guarda!, dure, senza grazia, diventano delicate quando si adornano di rose…Rose, più rose, ancora rose…
Sembra, Platero, che mentre suona l’Angelus questa nostra vita perda la forza d’ogni giorno e che un’altra forza dal di dentro, più nobile, più tenace e pura, faccia sì che tutto salga alle stelle che già s’accendono tra le rose come zampilli di grazia. Ancora rose… I tuoi occhi, Platero, che tu non vedi e che alzi mansueto al cielo, sono anch’essi due belle rose.

(da “Platero y yo” di Juan Ramón Jiménez, premio Nobel 1956

La vita è come un’eco: se non ti piace ciò che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che tu invii.

Joyce

Siamo la polvere stessa
che sogna il suo solare pulviscolo.

A. Bevilacqua

Il nostro ossame in cenere si sfoglia.

F. V.

La felicità? Credo sia il tempo di cicatrizzazione intermedio, tra una ferita e l’altra. Felicità è l’attimo di sospensione che ci lascia dentro l’anima l’illusione, poi passa con la velocità della luce.

Ninnj Di Stefano Busà

Credere nella vita
vuol dire accettare anche il peso del suo dolore:
la vita è la distanza tra il grido e la ferita

Ninnj Di Stefano Busà

Il desiderio di luce produce luce.
C’è vero desiderio quando c’è uno sforzo d’attenzione.
E si desidera realmente la luce
quando manca qualunque altro movente.
Se anche gli sforzi d’attenzione
rimanessero per anni apparentemente sterili,
un giorno una luce a essi esattamente proporzionale
inonderà l’anima.
Ogni sforzo aggiunge un po’ d’oro
a un tesoro che nulla al mondo ci può sottrarre.

Simone Weil


Avrei voluto, come i suoni, vivere delle cose senza appartenere loro, conseguenza alata dove il reale è lontano.
Pessoa

Vedere forse è sognare; ma se lo chiamiamo vedere invece di chiamarlo sognare, allora distinguiamo il sognare dal vedere.
Fernando Pessoa

Ciò che sta alle nostre spalle e davanti a noi è ben poca cosa rispetto a ciò che è in noi.

H.D.Thoreau

*

L’ultima cosa che ci attende non può essere la nostra morte, perché i desideri del nostro sangue da qualche parte devono continuare.

Izet Sarajlic

*
Spiuma la vita il suo sogno di volo.
Alberto Bevilacqua

*

La perdita di senso è un acido corrosivo per l’anima.
Daniele Trevisani

*

La poesia è essenziale per l’essere umano, perché l’essere umano non può raggiungere la verità: il massimo a cui può arrivare è la bellezza.
(Alejandro Jodorowski)

*

Conosciamo noi stessi solo fin dove siamo stati messi alla prova.
Wislawa Szymborska

*

Come fuggirti senza la morte, vita? Infinite pene
sono in te; né evitarle né accettarle è facile a noi.
Dolci in te sono le cose che la natura fa belle:
la terra, il mare, gli astri, il cerchio della luna,
il cerchio del sole. Ma ogni altra cosa è paura
e tormento. Se il nostro cuore è toccato da un bene,
la misura sarà pareggiata dalla vendetta di un male.
(Esopo (?) VI sec. a. C.)

*

Il primo servizio che si deve al prossimo è quello di ascoltarlo. Chi non sa ascoltare il fratello ben presto non saprà neppure più ascoltare Dio.
(Dietrich Bonhoeffer)

*

“L’amore è una distrazione, dei cristalli conficcati nel palmo della mano, uno spillo di vetro che circola nel corpo, una finestra aperta sulle felci, su un pianoforte, è un sole, un occhio sulla fronte, un mare scintillante, una notte turbata da un’infinità di stelle, la disperazione impacchettata in un giornale vecchio…”

Tahar Ben Jelloun

***

In fondo ogni uomo è una pietra, a suo modo. Ogni vita lo è.
Le vite sono come i sassi, rotolano una accanto all’altra, cozzano, si rompono in frammenti; e i frammenti si scontrano on altri frammenti… Ogni vita è ricordo e possibilità di un’altra vita. Una vita può raccontare altre vite, o esserne il riassunto. Riassunto di un’identità, dove si capisce cosa porta qualcuno alle proprie scelte, cosa le comanda, se davvero esiste un libero arbitrio al di là del vortice dove ogni giorno ruotiamo di moto proprio, sulla spinta di altri moti che ci hanno toccato prima, che ci toccheranno…

Sasha Naspini – “I sassi”

***

Pensiero per i nostri morti

Sono tanti i ricordi legati alle persone con le quali abbiamo condiviso tanta parte della nostra vita. Ci rifiutiamo di pensare che siano finiti nel nulla e, come cristiani, siamo certi del contrario, perché il nostro Signore Gesù è morto in croce, si è incontrato con la morte, ma con la sua resurrezione l’ ha vinta. Non vi sono più morti: le persone che ci hanno lasciato vivono in altro modo, perché hanno abbandonato il loro rivestimento di carne, come si lascia un vestito logoro, passato di moda; non serve il corpo, con gli occhi, con le orecchie per vivere nel loro mondo. Ma vivono e ciò vuol dire che un giorno li incontreremo e ciò vuol dire che ci sentono, che sono contenti quando pensiamo a loro, quando preghiamo per loro.
Dobbiamo continuare ad amarli, a parlare loro. Non dobbiamo sentirci soli: chiudiamo gli occhi, e li vedremo.

P. Vigilio

Casa del Sacro Cuore (Trento)

***

“Io sono l’oscuro, il paziente pescatore di perle che sprofonda nei fondali e che riemerge con le mani vuote e il volto cianotico. Un’attrazione fatale mi attira negli abissi del pensiero, al fondo delle voragini interiori che non inaridiscono mai per i forti.

Passerei la mia vita a guardare l’oceano dell’arte in cui altri navigano o combattono, e mi piacerebbe talvolta andare nel fondo dell’acqua a cercare conchiglie verdi o gialle, che nessuno vorrebbe. Così le terrei per me, e ne tappezzerei la mia capanna…”

G. Flaubert

***

Si ha paura di mille cose, dei dolori, dei giudizi, del proprio cuore, del risveglio, della solitudine, del freddo, della pazzia, della morte… specie di questa, della morte. Ma tutto ciò è maschera e travestimento. In realtà c’è una cosa sola della quale si ha paura: del lasciarsi cadere, del passo incerto, del breve passo sopra tutte le assicurazioni esistenti. E chi una volta sola si è donato, chi una volta sola si è affidato alla sorte, questi è libero. Egli non obbedisce più alla legge terrena, è caduto nella spazio universale e partecipa alla ridda delle stelle.

Herman Hesse

***

Desidero infinitamente estasi luminose, eppure allo stesso tempo non ne vorrei, perché ad esse fanno inevitabilmente seguito le depressioni. Vorrei invece che un bagno di luce scaturisse da me e trasfigurasse il mondo intero, un bagno che, lungi dalla tensione dell’estasi, conservasse la calma di un’eternità luminosa. Avrebbe la leggerezza della grazia e il calore di un sorriso. Vorrei che il mondo intero galleggiasse in questo sogno di luce, in questo incantesimo di trasparenza e di immaterialità; che non vi fossero più ostacoli, materia, forme o confini. E in questa visione, vorrei morire di luce.

E. M. Cioran – da “Al culmine della disperazione”

***

Il mio altro tempo. Il mio altro sogno. Il mio altro corpo.
Tutto in me è altro. Non è mai stato. Non sarà mai nulla. Non è nulla. Tutto è finito, ma -nonostante sia svanito- permane, non scompare, oppure è solo rinviato, aggiornato, ma -anche se non arriverà mai- esiste, mi assomiglia, impegna il mio regno, ora, come se nonostante tutto, e al contempo, sia passato e trascorso. Tranne l’attimo della passione. Questo non contiene tempo, non ha tempo, non ha termine, né andata né ritorno.

Edwar al-Kharrat, L’altro Mediterraneo

***

Il Signore ha bisbigliato qualcosa all’orecchio della rosa ed eccola aprirsi al sorriso; il Signore ha mormorato qualcosa al sasso ed eccolo divenire gemma preziosa, scintillante nella miniera; il Signore ha detto qualcosa all’orecchio del sole, ed ecco la guancia del sole coprirsi di mille eclissi.
Ma che cosa avrà mai bisbigliato il Signore all’orecchio dell’uomo, perché egli solo sia capace di amare e di amarlo?
Ha bisbigliato una sola parola: Amore.

(Gialal Ed-Din Rumi, mistico sufita, XIII secolo)

***

*

I poeti dicono la verità quando affermano che, iniziando a scrivere una poesia, non sanno cosa finiranno per dire. Scriviamo per dire il non detto, e per conoscerlo.

Octavio Paz

*

L’ultima cosa che ci attende non può essere la nostra morte, perché i desideri del nostro sangue da qualche parte devono continuare.

Izet Sarajlic

*

Il sole e la morte non possono essere fissati a lungo.
Francois La Rochefoucauld

La vita sarà più forte del taglio,
prenderà nuovo vigore…

Karol Wojtyla “L’albero ferito”)

*

La verità è senza prezzo.
Costa la vita.
(Aldo Bodrato)

… E il passato è il passato, e questo è ciò che si intende per tempo, e il tempo è uno dei tanti nomi della morte, e quanto al Cielo, è uno stato dove “le cose di prima sono passate”.
C. S. Lewis – “Diario di un dolore”

*

Tutto si svolge come se un archetipo dell’opera da compiere preesistesse in un punto misterioso, e come se il lavoro del poeta consistesse nell’avvicinarsi a quel punto per tentativi successivi. Si tratta di ricordarsi del futuro, di qualche futuro anteriore.

Jacques Buge

*

***

LA LUCE E IL BUIO

Il cieco desidera dal Signore non denaro ma luce.
Senza la luce, tutto il resto gli sembra di ben poco valore.

Imitiamo il cieco.
Non chiediamo al Signore ricchezze evanescenti, beni terreni, onori effimeri, ma luce!
E non quella luce che finisce con il giorno, che si affievolisce con il temporale e che gli animali vedono come noi.
Preghiamo per ottenere la Luce che vedono gli angeli, quella Luce che non conosce inizio né fine, e che l’eternità non potrà mai spegnere.

Gregorio Magno

Annunci

1 risposta a “Citazioni e Aforismi”

  1. I poeti dicono la verità quando affermano che, iniziando a scrivere una poesia, non sanno cosa finiranno per dire. Scriviamo per dire il non detto, e per conoscerlo.

    Octavio Paz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...