Il sasso nello stagno di AnGre

minotauro-1

Ruminazione del Minotauro

.
c’era una cadenza della luce
una pausa esatta in apnea
la luce assente che esplodeva: il sole dicevano
dicevano è il giorno, e al largo
della notte nel silenzio il rumore
di un franare lento che era il mare.
e c’era un Nome sospeso in alto
nella più oscura altezza, Pasifae
dicevano, Pasifae che a volte
era uno sguardo remoto, attimo
di una spada immota eretta
sopra di me nudo e mi impediva. Pasifae
in rosso e tutta sola. Pasifae dicevano.
allora il tempo era divenire, corpo fluido
dei giorni. adesso è lo stagnare
del presente, un sempre adesso-sempre
l’opaco il peso lo spessore del sempre.
e io sto nel centro
dei corridoi di lava indurita
nel cieco laccio di vene
dove il sangue insensato si frantuma in pietra.
io non sono, o sono questa roccia, ma
respiro come quel mare di altro tempo.
e…

View original post 601 altre parole

Annunci