aleggiavo ‘per l’aere’ / -io figlio di Venere- o / era il mio doppio incorporeo che / con molte frecce al suo arco / germinava; poesia Creative Commons

Sorgente: Sogno di Cupido (di Felice Serino)

Annunci