Felice Serino

ASIMMETRICI VOLI # 3

.

Chi può dire

[a un ragazzo degli anni 60]

non certo beata
gioventù
-chi può dire
cosa s’agita in un profondo fitto
di grovigli freudiani

volevi uscire da te
ti attrasse il salto nel vuoto

“non entrambi i polsi legati
un’intera nottata a fissare il soffitto
no non faccio del male ora
neanche a me stesso”

poi il fiotto di luce
a investirti
e le venti candeline -simboliche- da spegnere
non era l’ora che partissi dal mondo
quel mondo che ancora ti chiamava
nel suo grembo di cenere e oro

*

Delta

dove è grido rappreso
la voce del deserto

si dirama l’essere
aprendo
di solitudine le braccia rotte

*

A specchio di cielo (2)

fraternizzo con Campana
se anelo al silenzio
in un gran porto chiuso ai mali
del mondo

dove a specchio
di cielo sia riflessa
unicamente la bellezza

[Dino Campana, “Canti orfici”.]

*

I sogni alla deriva

insieme a questo corpo
vedrò staccarsi i sogni -quelli mondani
su vascelli di nuvole-
andare alla deriva
sopra un mare che più non m’appartiene

*

Un’ala d’angelo

propedeutico è l’abbraccio
bellezza nell’umano
che schiude mondi ignoti

un’ala d’angelo vibra
sulle schiuse labbra
a sigillare nuova vita

*

Estasi

[gli ultimi giorni di Paolo (Saulo) di Tarso]

ovunque mi seguivano i tuoi occhi buoni

l’anima
affacciata sul Tuo sangue lucente
ha danzato per il tempo che restava

*

Dietro il viola

non hai un appiglio
mentre
a superarti è una luce blanda
anneghi in un mare vasto
di ossimori
come un film sfocato
questa vita in controsenso
quasi una
finzione o solo
apparenza
dietro il viola della memoria
affondano nel nulla i tanti io

*

L’impronta

ricominciare da qui: dove l’occhio
del cuore
segue la curva della luce

dove si schiude la rosa
tra cristalli di gelo -mentre
lasci l’impronta del “fare”
anima

ti fondi nell’azzurro
rapito dal canto di Silesius

[Angelus Silesius – 1624-1677 -; poeta e mistico tedesco.]

*

La slavina

perla nel cuore del Gran Sasso
il “quattro stelle” non esiste più
ghermito dalla mostruosa
mano di ghiaccio

meglio la sorte dei sopravvissuti
ti dici
e ancora sperare
sotto la neve una voce udire
pensi ai familiari perduti
deglutendo caffelatte e lacrime

[tragedia del 18 gennaio 2017]

*

Sillabe

(visione)

mettere ordine
nei cassetti della mente
non trovare una pagina volata chissà
vedi rotolano giù
dall’emisfero destro parole ubriache
mentre sul bordo
delle orbite
piccioni piluccano sillabe s-cadute

*

Cavalli di nuvole

i primi smarrimenti: quando ti sembrava
dovesse cascare il mondo
-disegnavi angosce o voli
pindarici nell’aria

da una feritoia ti guardava
un pezzo di cielo
-tu ragazzino -ricordi-
rifugiato in una baracca
a smaltire l’ “onta” di una derisione
non sapendola costellata di prove
la tua stella

intanto
cavalli di nuvole
a sequenza
dicevano la vita leggera

*

© Felice Serino

Annunci