FELICE SERINO

Da PALPITI DI CIELO # 3

.

Questo giovane cuore

(alla figlia)

capriolare nell’ante-nascita
tu rosa vestita per la vita *

tuffarti nell’azzurro e
respirare la poesia pura
d’incontaminati cieli vorresti

ah non debbano i veleni del mondo
-mio e tuo anelito-
intaccare questo giovane cuore
* termine preso in prestito dall’amico poeta
Raffaele Piazza

*

 

Schegge di stelle

a mitigare il gelo delle parole
che il tuo volto a volte
veste

non riesco ma a notte
quando
il tuo corpo s’apre a una luna complice
schegge di stelle mi
sorridono

*

 

Come in primavera

impoverito mi sento
quando
sfuggono a volte le note
di quell’aria struggente che alberga
nell’anima e
-breve appagamento
di fioriture e voli-
nelle ore vuote m’accompagna
a sprazzi

pure ritorna
rivivendo in letizia
come in primavera la chioma di verde
a ornare quell’albero triste
-superato il morso del gelo

*

 
A volo d’angelo

il nero asfalto il lenzuolo
i nasi all’insù l’attico
al ventesimo
depressione dicono

autopsia perché:
se non s’è
tirato un colpo
si è “solo” spaccato

*

 
In un angolo remoto

la vita d’un uomo
nella luce degli occhi

i paesi esotici i mari
che ha varcato

a barattare per nuove
esperienze
la vecchia pelle
di coriaceo ulisside

ma si passa una vita
intera
senz’ancora conoscersi:

in un angolo remoto
l’ ombra da tenere
al guinzaglio

*

 
La Musa

dove inginocchiata è la luce
lo spirito contempla

come un incantesimo
la novità di lei la tua corda
sfiora

accordando
il tuo vagheggiare

s’anima il tuo cielo
in volo d’angeli

e febbre
è la parola

*

 
E’ bello sognare

come tirare su
un secchio di ricordi
custoditi in fondo al tuo cuore

come riesumare
i tuoi morti
aspettarti da loro fausti presagi

o l’apparire
di vagoni di nuvole e lunghi
corridoi di porte chiuse

dove ti sembra essere stato

*

 
Vita sollevaci

vita sollevaci
dall’ignavia dei giorni
-serpe mimetica

fa che non sprofondiamo
in questo buio di stelle calpestate

le addomesticate coscienze
fanne bottiglie
a navigare mari di speranza

e
come un fuoco
vivo a forma di croce

giunga
il messaggio
della tua sacralità

*

 
La parola essenziale

non altra che quella
l’unica
annunziata
che la mente arrovella

fanne cuore e centro
il raggio renda armonico il disegno
senza
ne urlerebbe la trama

il sangue fatto
acqua

*

 
In quest’aria stagnante

pensando a te vedo
il vuoto di una porta
e dietro la porta ricordi
a intrecciare sequenze indistinte
sogni e pensieri asciugati
mentre un sole
di sangue s’immerge nel mare

in quest’aria stagnante
come un olio passa
la luce
sopra il dolore

*

 
Antinomia la morte

ritenere antinomia
la morte – la tua

come un abbaglio o un
trapassare di veli

e nel distacco
quando
il mondo senza più te sarà
impregnato della tua essenza

” leggerai” il tuo
necrologio
pagato un tanto a riga

.
© Felice Serino

Annunci