Felice Serino

LA COMPOSIZIONE DELLA LUCE # 4

.
Finestre d’aria

fa strano guardarlo
mentre il bacio deponi
come su freddo marmo

dici sembra
dormire

se immagini di aprirgli
la spaziosa fronte
vedresti attraverso
finestre d’aria

come uccelli aleggiare
alfabeti felici
che dicono l’inesprimibile

il tuo
centro

*

Fine anno

semmai un aggancio
la mano del vicino
ora
che un senso di sperdimento
è la vita rivoltata
ma le volte che vi hai sputato

girovagare tra
luminarie e vetrine
ti richiamano all’incanto del bambino
mentre ti lacera dentro
la morte del clochard
sotto i portici nel gelo

*

Sogno di carta

alti muri
di carta
laceri strati e strati
senza via d’uscita
labirinti mentali
ove galleggiano improbabili
parole e voci
bagaglio d’un viaggio kafkiano

*

Mi piace il tuo garbo

(a mia moglie Angela)

ora dici mi piace
ancora il tuo garbo
e un pizzicotto mi chiedi
per vedere se non è un sogno
nel letto abbracciati
nel dolce tepore
l’attesa
che salga la luce e c’inondi
grati al cielo d’essere
insieme sembra anniluce
o primavere scandite che
han visto le nostre tenerezze i silenzi

*

Poesia si fa

è che poesia si fa da sé
nel seme del suo autocrearsi

è nella danza del calabrone sul fiore
nel gioco
della luce con l’ombra attaccata ai piedi
nelle parole bagnate in un lancinante addio

casa della poesia è dove nasce l’onda
la radice del vento il volo aquilonare
è vedo non vedo in una grazia velata

poesia è la bellezza
che tiene in scacco la morte

*

Casa di riposo

sono io oggi
ad imboccarti
al pomeriggio poi il solito
giro nel viale
lo scricchiolio delle ruote sul selciato
gli alberi vedi han perso la bella chioma
ed è ancora clemente il tempo
tu adagiata in una smarrita indolenza
riflesso
nei tuoi occhi il cielo
t’asciugo con garbo un filo
di bava lucente
ora che non hai più voce
mi giunge eco di madre
mangia se stesso chi
non si dà

*

Funamboli

metti noi due
guardali
in bilico sulla corda
tesa dell’esistere
a contare gli anni come grani
nelle curve dei silenzi
gli abbagli nel vuoto del cielo
lo sporgersi sul tempo che viene

e le cicatrici di luna nelle
primavere risalendo in luce
da inverni amari di
catarro e croci

*

Se gratti l’argento

[ispirata leggendo “Finzioni”, di J. L. Borges]

paradosso
temere di sparire se
gratti l’argento dello specchio

quasi
non t’appartenessi

realtà sfumata nel mistero

non sei che parvenza
sognata da un dio

nell’insondabile
suo cielo d’esagoni e sfere

*

Luce d’amore

carne che presto
si dissolverà nell’aria
occhi
che rideranno al cospetto
dell’Assoluto

il tempo è breve
delle ombre allungate sul cuore

invaderà tutto l’essere
quella Luce che addenti

*

Poesia ti libri

dal sangue un nascere d’ali
poesia ecco ti libri
in verde cielo d’alfabeti
dove l’anima si ascolta e
la vita si guarda vivere

*

Rosa d’amore

vita che ti attraversa
in un vento di luce

angelicato fiore
rosa che si schiude
fra cristalli dell’inverno

*
Auschwitz

impigliato
il cuore al filo spinato
sui prati di sangue

decorati dal fiore dell’urlo
mai dissolto nell’aria tremante
-grido
che cammina
nella memoria della storia

coperto dal velo
di pietà

*

© Felice Serino-

paesaggio1

Annunci