Felice Serino

LA COMPOSIZIONE DELLA LUCE # 2
Le vene cariche di notti

(stato depressivo)

le vene
cariche di notti
a carpire vertigini all’abisso

laddove
è a confondersi col sogno la vita

il tuo imbuto a
risucchiarti

*

Echi d’infanzia

bacia il sole
immense distese a
maggese

così anche il cuore in
fioritura

con l’eco dei gridi
di ragazzini a frotte
tra sciabolate di luce

vedermi uscire
dal ricordo
nell’agitarsi in quella corsa
dei grembiuli come ali
in voli bianchi verso
casa

*

Nell’inquieto mio cielo

[ispirandomi alla figura di Giobbe]

nell’inquieto mio cielo
ferite gridano
il Tuo nome

disseminato altrove
fiorirà
il mio spirito

sì fiorirà

come nel cuore della pietra
la Bellezza
di angelica veste

*

Al crocevia dei venti

(la fatica dello scrivere)

magari ti soccorra
una voce fatta carne
scavata nel sogno
complice la luna

una quasi presenza
al crocevia dei venti

*

Gocce di sogno

navigare di nuvole pigre
nel cielo della mente
da queste aspettarti quasi
sprizzino gocce di sogno
come da mammelle

come nasce una poesia ti chiedi
e inatteso ti si offre
un appiglio in quel
dondolarsi del bambino al parco

ti lasci condurre come
un cieco e non sai mai
dove ti porta poesia

*

L’altalena

è poesia
quel dondolarsi del corpicino quasi
fatto d’aria e
avvertire l’alone di mistero
nella figura del nonno dietro
il giornale
-il confondersi
delle lettere all’occhio attento

nel suo sangue un tripudio d’azzurro
nell’affacciarsi l’emozione
di giovani voli

*

Da mondi di vetro
(visione)

da mondi di vetro
mi giungeva il respiro
di cieli anteriori
dov’ero sollevato
su ali d’aquila
dimora del mio centro
luce del sangue
lì custodita
in comunione col palpito
degli astri

*

La casa delle nuvole

cieli d’acqua e cavalli
d’aria

lì custodisco ore
sfilacciate e segrete pene
-oh giovinezza di deliri e
notti illuni

lì dove il turbinio
degli anni
è rappreso in un palpito
che nell’aria trema

*

La penna nella luce

(ad un agnostico)

e tu a ripetere
non credo nei miracoli
tutte balle
ma se sei in vita è già un miracolo
sai
che si perpetua nell’oltre

glissando sul tuo intercalare io
t’intingo la penna nella luce
scrivo per Dio e la sua gloria

tu segui pure le tue ombre
fantasmi che ti succhiano la vita

*

Luna park

ride la piccola Margot
alle smorfie del papà che si rade
“suvvia ti porto alle giostre” e
lei s’illumina di gioia e
poi a cavalcioni sulle larghe spalle
nella fantasmagoria delle luci

un po’ ci si attarda
nell’aria ancora calda di fine settembre
riverbera una miriade di
stelle negli occhi innocenti
mentre le nasconde
il resto del viso una montagna
di zucchero filato

*

L’ora che dall’alto

l’ora che dall’alto
giungerà come un ladro
ti troverà a mani vuote e
cosa dunque Gli offrirai
se non lune lacerate
dai cani della notte
e capestri
di nebbie
nel delirio dei giorni
e vomiti
esiziali
di una vita in perdita

.

© Felice Serino

Annunci